Silvio e gli altri

Con buona pace dell’allegra accozzaglia dei sedicenti oppositori, in Italia le cose continuano ad andare in modo chiaro: Berlusconi fa e gli altri stanno a guardare. O meglio, attendono che Berlusconi faccia per poi protestare, indignarsi, fare proclami. Ma il dato di fatto è semplice: nella politica di questo paese l’unico a fare è lui. Ha delle idee, dei progetti, le energie personali e politiche per attuare i propri programmi. Giusti o sbagliati che siano, l’unico, autentico protagonista della scena politica italiana è il Presidente del Consiglio dott. Silvio Berlusconi! Si grida alla dittatura mediatica, ma intanto lui è lì, lui fa ed attende gli altri al varco. La vicenda del “lodo Alfano” è significativa. Il Parlamento ha licenziato il testo della legge chiamata “lodo Alfano”, che garantiva la sospensione dei procedimenti giudiziari a carico delle maggiori cariche dello Stato. Una sorta di “tregua” garantita anche al Presidente del Consiglio, che ha fatto gridare l’opposizione alla “legge ad personam”. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha firmato il provvedimento per la promulgazione senza discutere, senza sollevare rilievo alcuno. Eppure di motivi per sollevare rilievi ce n’erano. Non tanto nella sostanza, dato che prima di Tangentopoli le cose stavano peggio ancora: immunità parlamentare. Ve la ricordate? La parte peggiore del discorso è stata la discussione che ha portato al pronunciamento della Corte Costituzionale. Ciò che ho trovato aberrante e scandaloso è la teoria secondo cui “la legge è uguale per tutti, ma la sua applicazione no”. In sostanza rimane reato ciò che è reato, ma per alcune persone si fanno eccezioni di giudizio. Mi sarei aspettato, di fronte ad una simile teoria, che il Popolo Italiano si sollevasse. L’Azzeccagarbugli di manzoniana memoria non avrebbe potuto trovare una teoria più imbecille. Infatti la Corte Costituzionale, che in questo caso ha avuto il compito di essere l’ultimo baluardo della giustizia in Italia, ha bocciato la legge. E questo ha mandato su tutte le furie Berlusconi, che ha ricoperto di insulti in modo più o meno velato quella metà d’Italia che non sta dalla sua parte. Se l’è presa anche con Napolitano, reo di essere un comunista, quando in realtà sarebbe stato dovere dell’opposizione lanciare strali infuocati contro il Presidente della Repubblica, reo di avere firmato un provvedimento incostituzionale senza discutere!
Sono poi seguiti giorni in cui la tensione è salita alle stelle, con un Berlusconi sempre più ricco di energia, lanciatissimo nella sua corsa alle riforme per costruire l’Italia così come la vede nei suoi sogni, mentre l’opposizione continua a mantenere un atteggiamento che oserei definire adolescenziale. A dire il vero tutta la politica è ormai adolescenziale, considerando che nell’adolescenza eravamo tutti portati alla rissa, al confronto mai mediato, all’estremizzazione. Mezza Italia si indigna di fronte a ciò che fa Berlusconi, l’altra mezza lo osanna, mezza Italia passa le giornate intere a parlare male di lui, l’altra mezza non parla, c’è Emilio Fede che ci pensa per loro. Non si parla più di idee di programmi, a meno che non ne parli Berlusconi.
Alla fine dei conti si può dire che, in questo momento, in Italia c’è Silvio, e poi ci sono gli altri, che lo seguono come un gruppo di cani, chi latrando, chi scodinzolando. E sinceramente mi fa pena vedere in queste condizioni politici per cui ho ancora un briciolo di rispetto.

Annunci

Tag: , , , , , , ,

Una Risposta to “Silvio e gli altri”

  1. wwayne Says:

    Mi hai fatto tornare in mente uno splendido film che ho visto tempo fa, e che rifletteva con grande profondità sul mondo della politica e sulle sue storture. Il film è questo: https://wwayne.wordpress.com/2014/01/08/il-fine-giustifica-i-mezzi/. L’hai visto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: