Archive for the ‘Gnovis’ Category

Siria si o Siria no?

aprile 12, 2018

La Siria rappresenta, da decenni, uno dei paesi più importanti nell’area del così detto “Medio Oriente”. Da sempre schierata contro lo stato di Israele, vicina politicamente all’Iran pur senza abbracciare l’integralismo islamico, avversa alle ingerenze statunitensi nell’area e incline a collaborare con la Russia. Molti presidenti degli USA hanno desiderato per anni attaccare la Siria, con motivi più o meno legati alla questione del terrorismo internazionale. In verità la Siria è piazzata nel mezzo fra le zone petrolifere del Golfo Persico e penisola araba (Jazeerah) e il Mediterraneo, popolato a Nord da grandi utilizzatori del petrolio.

Quello che sta realmente succedendo in Siria è difficile da comprendere. Il regime impostato dalla famiglia Assad è saltato, ha avuto inizio (more…)

Annunci

Il coraggio di avere successo

gennaio 29, 2018

Non sapevo assolutamente nulla del signor Ingvar Kamprad, fino a stamattina. Sul serio. Ho acquistato diverse cose in un negozio della società che fondò giovanissimo, ma non avevo idea nemmeno dell’esistenza di questa persona. Oggi scopro chi fosse e che è morto. Immagino saprete ormai anche voi che stiamo parlando del fondatore dell’IKEA.
In un articolo che lo ricorda leggo: “A cinque anni andava in bicicletta da Agunnaryd a Malmoe, comprava i fiammiferi a pacchi e li rivendeva a decine ai vicini di casa. A nove andava a pescare e recapitava i salmoni a domicilio. A 17 crea una società di vendita per corrispondenza: biro, portafogli e semi di verdure consegnati dal lattaio.”.

Aveva capito esattamente quali fossero le necessità, i bisogni dei suoi clienti e quali i problemi che dovevano affrontare. Lui forniva soluzioni. Ad esempio, perché acquistare pacchi di fiammiferi e venderli poi a decine? Perché, in una società rurale del secolo scorso, acquistare (more…)

Un solo peso, due misure

agosto 30, 2017

Recentemente si parla molto di reati commessi da stranieri in Italia. L’ultimo caso in ordine di tempo è quello delle due violenze sessuali perpetrate da un quartetto di “nordafricani” ai danni di una turista polacca e di una transessuale peruviana a Rimini.

Di primo accchito la reazione che ho è quella di desiderare di prendere questi quattro, spezzargli una dopo l’altra tutte le ossa delle mani, badando bene a provocare il massimo dolore, poi procedere con qualcosa come “l’aquila di sangue” che abbiamo visto usare nella serie tv Vikings per giustiziare in modo dolorosissimo un paio di persone.

Poi penso che gli stupratori e i delinquenti assortiti sono tutti uguali per peso dei loro atti, indipendentemente dalla nazionalità, che i delinquenti sono tutti uguali e inizio a chiedermi perché adottare la pena di morte in stile barbarico a loro e non ai boss mafiosi, a chi vende droghe devastanti ai ragazzini, a chi uccide la moglie o la fidanzata. Ma perché non (more…)