Archive for the ‘Spiritualità’ Category

Filosofeggiamenti vari

novembre 4, 2020

Due categorie di persone mi danno particolarmente fastidio: gli ottimisti ottusi e i lagnosi estremi.

Negli ultimi 49 anni ho incontrato difficoltà non indifferenti, ho patito dolori enormi, nello spirito e nel corpo. Ho verificato anche migliaia di eventi favorevoli e ho provato gioia, felicità, amore, o semplicemente piacere. (more…)

Natale 2017

dicembre 27, 2017

Chi mi conosce veramente sa di me che sono terribilmente legato ai riti. Legato ai miei riti, ai gesti, al ricordo, agli oggetti. Allo stesso modo rispetto molto i riti personali degli altri, ma sono insofferente nei confronti dei riti collettivi.

Il Natale è purtroppo un insieme di ritualità, dove quella intima e personale viene travolta da quella collettiva, sia sul piano religioso che su quello terreno. Siamo sommersi dalle “cose da fare”, che sono da fare in quanto riti, ma non scelte.

Ogni volta che partecipo a una messa natalizia la mia fede vacilla. Il disagio è grandissimo e man mano che il rito si sviluppa diventa sofferenza, infine un enorme dolore psicologico, che invade l’anima. Le celebrazioni natalizie potrebbero rendermi ateo.

Fortunatamente ci sono passato tanti anni fa, quando dopo la Prima Comunione decisi (more…)

Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare

novembre 7, 2017

Alcuni giorni fa, nel corso di un servizio funebre, è stato letto un passo dal Vangelo secondo Matteo, Mt 25:31-46. Per chi volesse leggere tutto allego il link al sito web della Santa Sede dove viene pubblicata la versione riconosciuta dalla Chiesa Cattolica, ovvero la chiesa maggioritaria in Italia.

Mi ha colpito in particolare questo passaggio:

[34] Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo.
[35] Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato,
[36] nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. (more…)