Soccorso alpino in FVG

giugno 2, 2017

La buona notizia e qualche preoccupazione

Un’eccellente notizia: la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia riconosce con l’approvazione della Proposta di Legge n. 205 Disposizioni per la valorizzazione e il potenziamento del Soccorso Alpino regionale il ruolo del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS).

Per chi frequenta la montagna senza addentrarsi troppo nel mondo delle associazioni e del volontariato la cosa potrebbe sembrare ovvia, ma non lo è se Leggi il seguito di questo post »

Aggiornamenti software

giugno 2, 2017

Le disavventure di un utente nel “mondo” che avanza

ATTENZIONE: IN QUESTO ARTICOLO SI FA AMPIO USO DEL TURPILOQUIO

Uso molto l’accesso a dati pubblicati su web per lavoro. Parlo di cose tristi e becere come enormi tabelloni di dati, vettoriali contenenti informazioni geografiche ecc ecc. Mica si tratta di cose divertenti come video musicali, giochi o partite in streaming, la mia è roba triste e tagliata male.

I web designers incaricati dal “proprietario” (amministrazione pubblica) decidono un “bel” giorno di fare l’aggiornamento di un portale che uso molto spesso, per farlo più figo. Ci si mettono d’impegno e con gli sviluppatori creano un portale rinnovato.
Cambia l’aspetto grafico, rimangono gli stessi dati, apparentemente dal mio punto di vista non cambia nulla a parte la grafica, di cui onestamente non me ne fotte un cazzo perché non devo andarci a letto col loro cazzo di sito, ci devo scaricare dati.

Fatto sta che appena provo ad accedere dal “campo”, perché ho bisogno di dati, usando il mio device che risale – udite udite – all’annus Domini 2012, si impianta e non vedo più una mazza.
Smadonno e cerco di capire. Non l’ha mai fatto prima!

Ah: il nuovo sito è bellissimo (per mamma sua) ma per accedervi devi avere installato la versione nuova dell’applicativo con l’ultima versione di Poba 13.8.2.

0k, a sto punto io devo Leggi il seguito di questo post »

Preoccupante disorientamento politico

maggio 15, 2017

Sono disorientato. Dopo ben 27 anni dall’acquisizione del diritto di voto, ovvero dalla maggiore età, non trovo nel panorama politico italiano qualcuno che mi possa rappresentare. Non lo dico per questioni di dettaglio o per le inevitabili antipatie personali, non siamo d’accordo sugli assiomi, sui comandamenti, sulle idee di base.
Questo crea, sul piano personale, una situazione molto grave perché mi costringe a scegliere fra tre alternative:

  • non votare e accettare che il potere legislativo ed esecutivo siano assegnati a chi ha idee diverse dalle mie
  • votare tappandomi il naso per evitare che il potere venga affidato a chi reputo essere il peggiore
  • votare me stesso.

Tutto molto preoccupante, per me.