Online non sempre

maggio 23, 2019

L’enorme possibilità di effettuare acquisti e accedere a servizi non ha solo aspetti positivi.

Sono uno che acquista online, sia prodotti a basso prezzo che cose “più serie”. Nel corso del tempo ho acquistato cavetti per tablet da 3€ ma anche un telemetro professionale da oltre 3000€. Tutte cose che a Udine non trovavo in nessun negozio “fisico”, ma venivano offerte da negozi “virtuali”, o meglio commercianti che basano il loro sistema di vendita su un sito web.

Il “contro” di tutto questo è che mi trovo imbrigliato in un groviglio di password, account, username, che ogni volta è un delirio fra carta di credito sicura (?), prepagata, bonifici. La fattura arriva, non arriva. Si ma la consegna è rapidissima. Forse.

L’ultimo episodio pochi giorni fa. Devo acquistare per lavoro dei particolari filtri, con “fori” estremamente piccoli (45 millesimi di millimetro). Individuo un’azienda che li vende. Provo ad acquistare. Mi fanno compilare Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Anti

maggio 7, 2019

Negli ultimi 74 anni in Italia non si è mai sopito il confronto sul fascismo. Quel capitolo potrebbe sembrare storicamente chiuso con la fine della Repubblica Sociale Italiana, la fine della monarchia e l’instaurazione della Repubblica Italiana, fondata su una Costituzione di tipo democratico e su valori opposti a quelli del totalitarismo. Ma così non è, per lo meno nel dibattito pubblico.

Ancora oggi, nel 2019, ci troviamo in uno scenario politico in cui si usano i termini “fascista” e “antifascista”, molto spesso a sproposito.

Innanzitutto si identifica il fascismo con una generica forma di totalitarismo nazionalista. Il fascismo fu indubbiamente un’ideologia che creò un regime totalitario e si richiamava agli ideali del nazionalismo, ma non fu tutto lì. Stabilire cosa fu il fascismo richiederebbe un’analisi storica e politica molto articolata, passando dai movimenti dei reduci, attraverso Leggi il seguito di questo post »

La dannazione di Cassandra

aprile 21, 2019

Perché molti (in Italia) detestano Greta Thunberg

Contro questa giovanissima svedese stanno girando esempi altissimi di ingiurie e derisioni di ogni genere, soprattutto sui così detti social. Il fatto è che Greta Thunberg sembra la persona giusta con cui prendersela, da deridere, da accusare.

Perché?

Innanzitutto perché si tratta dell’antichissima dannazione di Cassandra. Chi non conosce l’Iliade può serenamente passare sopra questa definizione; mi limito a spiegare che chi prevede sfighe di qualunque genere finisce per non essere creduto, ma viene additato come portasfiga. Il risultato è che quando arrivano i guai, tutti sono impreparati e va malissimo.

Greta Thunberg sta dando voce a preoccupazioni che non derivano da sue doti di chiaroveggenza, né è roba che si sogna la notte. La ragazza in effetti sta dicendo a gran voce ciò che molte centinaia di migliaia di persone al mondo pensano. Ma molti Leggi il seguito di questo post »