Posts Tagged ‘Beppe Grillo’

Te la dò io la libertà di stampa

aprile 27, 2017

E’ stato pubblicato sul sito web di Reporters Without Borders / Reporters Sans Frontieres il rapporto sulla Classement mondial de la liberté de la presse 2017 (classificazione della libertà di stampa 2017). La cosa ha generato un putiferio per via della frase che trovate evidenziata:

The level of violence against reporters (including verbal and physical intimidation and threats) is alarming, especially as politicians such as Beppe Grillo of the Five Star Movement do not hesitate to publicly out the journalists they dislike.

Leggi tutta la pagina in inglese cliccando qui. Scorprirai che a parte la frase incriminata c’è di più, ma ora ci interessa la questione del Five Star Movement.

Dunque RSF sostiene che in Italia vi sia una forma di violenza verbale di cui è un esempio il fatto che Beppe Grillo, del Movimento Cinque Stelle, non esiti ad additare pubblicamente i giornalisti a lui sgraditi. Un po’ come dire ai propri sostenitori “quello è un nemico”.

Che Beppe se la prenda spesso e volentieri coi giornalisti, e con lui tutto il M5S, non è per nulla una novità. Che questa sia un attacco alla libertà di stampa è discutibile, o meglio lo è entro certi termini e date condizioni di contorno.

Mi spiego, (more…)

Lo gran rifiuto

aprile 15, 2013

Dunque i 10 nomi individuati dal Mò Vi Mento 5 Stalle sono diventati 9. Perbacco! Ma chi? Ma cosa? Ma come? Cos’è successo mentre mi distraevo?

Beppe si è sottratto, come colui che fece lo gran rifiuto.

Bizzarra questione, i casi sono due, o Beppe si rende conto che fare il Presidente della Repubblica è un mestiere difficile e molto diverso dal suo, oppure vuole tenersi libero perché punta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Nel primo caso, ha fatto bene a sottrarsi al rischio che la sua base lo indichi quale candidato, ma avrebbe dovuto farlo prima. Eh si, caro Beppe, le regole non si cambiano in corsa. Hai chiesto ai tuoi grillini di individuare 10 nomi su cui ragionare e loro hanno indicato 10 nomi, fra cui il tuo. Ora, questi ti indicano, perché si sa che ritengono che tu debba prendere la guida del Paese, e tu svicoli? Dato che nel Mò Vi Mento 5 Stalle si dovrebbe fare ciò che la base vota attraverso web, la famosa democrazia diretta, non ti puoi sottrarre.

Se tu l’avessi fatto per umiltà, riconoscendo che il ruolo di Capo dello Stato è troppo per te, saresti incoerente con le regole del Mò Vi Mento, ma ne sarei soddisfatto per simpatia. Se tu avessi deciso di tirarti indietro per non bruciarti la possibilità di fare il Presidente del Consiglio, sarebbe tutt’altra cosa: è una tipica manovra da vecchie volpi della politica. L’avrebbe fatto un D’Alema. E allora significherebbe che ragioni e agisci come loro, come quella kasta che gli italiani vorrebbero smantellare e che molti vorrebbero mandare a casa con la tua guida. In quel caso, avresti mandato a remengo il tuo Mò Vi Mento. Mi auguro di no, un Grillo (s)Parlante serve a questo Paese.

Poche idee ma ben confuse

aprile 13, 2013

Leggo regolarmente il blog di Beppe Grillo, di cui sono un fan sfegatato fin dall’infanzia. Mi piace sentirlo parlare, anche se col passare degli anni è meno positivo e gioioso dei bei tempi. Ma va bene, anche a me la barba si sta imbiancando e le cassette dove registravo le mie imitazioni di Beppe, che facevano spanzare dalle risate i familiari, oramai non possono essere lette nemmeno con la strumentazione della NASA.

Ma torniamo al blog di Beppe, con cui politicamente non riesco ad andare daccordo. Continua a parlare bene, ma quello che dice non mi piace quasi mai, in fatto di politica. Tuttavia lo seguo con interesse e nostalgia. Dicevamo del blog e stamane trovo il post su Facebook che avvisa della pubblicazione dei risultati del primo turno delle “quirinarie” in cui 48.282 persone iscritte al M5S al 31 dicembre 2012 hanno individuato i dieci potenziali candidati del MoVin-mento 5 Stalle (scusa Beppe, ma la scuola è la tua,
(more…)