Posts Tagged ‘Bersani’

Analisi, logica?

ottobre 3, 2013

Un altro strappo fra la volontà popolare e le istituzioni democratiche si è consumato, rendendo sempre più labile il colore della democrazia italiana.

Una legge elettorale che consente agli apparati di partito di scegliere i candidati prendere-o-lasciare è già di per sé un problema. Se non altro ti permette di scegliere se votare a destra, sinistra o qualcos’altro.

In Italia i due partiti “nemici”, ovvero il PdL ed il PD hanno formato insieme un governo detto di “responsabilità”, ovvero un esecutivo a duplice guida, Letta – Alfano, il cui scopo doveva essere quello di salvare l’Italia dal fallimento, rimettere in piedi l’economia, tranquillizzare i mercati internazionali e le istituzioni europee.

Di per sé, dopo anni di confronto duro ed una campagna elettorale giocata completamente sulla denigrazione dell’avversario, trovo quanto meno discutibile la scelta. Già lo feci criticando il passato governo “tecnico” del Sen. Monti, mi ripeto con quello di Letta e Alfano.

Ora siamo arrivati alla farsa (more…)

Poche idee ma ben confuse

aprile 13, 2013

Leggo regolarmente il blog di Beppe Grillo, di cui sono un fan sfegatato fin dall’infanzia. Mi piace sentirlo parlare, anche se col passare degli anni è meno positivo e gioioso dei bei tempi. Ma va bene, anche a me la barba si sta imbiancando e le cassette dove registravo le mie imitazioni di Beppe, che facevano spanzare dalle risate i familiari, oramai non possono essere lette nemmeno con la strumentazione della NASA.

Ma torniamo al blog di Beppe, con cui politicamente non riesco ad andare daccordo. Continua a parlare bene, ma quello che dice non mi piace quasi mai, in fatto di politica. Tuttavia lo seguo con interesse e nostalgia. Dicevamo del blog e stamane trovo il post su Facebook che avvisa della pubblicazione dei risultati del primo turno delle “quirinarie” in cui 48.282 persone iscritte al M5S al 31 dicembre 2012 hanno individuato i dieci potenziali candidati del MoVin-mento 5 Stalle (scusa Beppe, ma la scuola è la tua,
(more…)

I nuovi saraceni

marzo 31, 2011

Per secoli, le comunità costiere dell’Italia meridionale hanno guardato con apprensione l’orizzonte. Gli occhi frugavano con attenzione l’esile confine tremolante fra mare e cielo, cercando un puntino lontano, la vela di una barca saracena. Sembra patetico dirlo, ma la storia, con variazioni non insignificanti, si ripete spesso.

Le coste dell’Italia sono costellate da torri di avvistamento, costruite proprio per rendere possibile l’allerta in caso di incursioni. Quando le vedette avvistavano le navi saracene in arrivo, davano l’allarme. La gente allora fuggiva, si nascondeva nei sotterranei, si rifugiava nelle fortificazioni, tentando di portare con sé i pochi beni di cui disponeva, oltre alla propria vita. I saraceni dell’epoca erano per lo più incursori provenienti dagli stati nord africani, oppure spedizioni ben organizzate delle truppe del Sultano turco. Per la gente tutto era più o meno uguale, turchi, saraceni, mori. Erano stranieri, di fede musulmana, venivano in Italia per razziare, con il consueto corollario di uccisioni e stupri, che non erano certo un’attività esclusiva dei saraceni. (more…)