Posts Tagged ‘Egoismo’

Osservazioni sociologiche

gennaio 20, 2021

Oggi ho postato due “aggiornamenti di stato” su Facebook, pubblici, ovvero visibili anche a chi non è uno dei miei contatti.

Uno dei due era il link a un interessante video, trovato su Instagram, che mostra un orso polare a caccia di beluga in piena estate, ovvero in assenza di ghiaccio galleggiante. Una situazione in cui, di solito, gli orsi polari fanno la fame.

Il secondo aggiornamento riporta una mia considerazione in merito al fatto che la Costituzione della Repubblica Italiana obbliga lo Stato a tutelare la salute dei cittadini, ma non attribuisce a questi il diritto di andare a fare escursioni durante un periodo di emergenza sanitaria.

Il primo post ha ricevuto 3 “like” e non è stato commentato.

Il secondo ha generato una serie di commenti, in gran parte contrari alla mia visione, alcuni riportanti argomentazioni, altri no, altri ancora più che irriverenti.

Nella missione di esplorazione di questo pianeta non mi è stato affidato il compito di studiare il comportamento umano, ma l’ecologia. Tuttavia, invadendo il campo di competenza di altri esploratori, la mia osservazione sembra suggerire che qualcosa di legato a un enorme problema, come il rischio di estinzione di molte specie a causa del cambiamento climatico, non interessa a quasi nessuno. Al contrario, una banale considerazione relativa alla necessità di proteggere la comunità riducendo le libertà individuali, ha generato grande interesse.

Questa osservazione non cambia la considerazione che ho degli altri esseri umani.

Non prigionieri

Maggio 10, 2020

20200510 giorno 61 delle misure di contenimento

14:44:44

Ieri non ho scritto, per la prima volta dal 8 marzo scorso abbiamo fatto attività motoria. Mia moglie e io. A dire il vero abbiamo incontrato parecchia gente, perché in questa stagione si va soprattutto a camminare in Prealpi e sono zone che conosco poco. Di conseguenza, le idee che mi vengono sono banali e i posti dove vado sono quelli dove “vanno tutti”.

Abbiamo incontrato degli amici, anche loro alla prima uscita dopo due mesi, molti sconosciuti. Io ho tenuto la mascherina sul volto per tutta la camminata, anche quando in vista c’era solo mia moglie, ovvero l’unica persona con cui condivido certamente virus, batteri e qualunque schifezza patogena.

La mascherina oggettivamente rende più difficile respirare quando si sta facendo attività che richiede un po’ più di ossigeno rispetto a stare sul divano a scrivere questo post. Ho voluto tenerla addosso comunque, raccontandomi che era tutto allenamento “per andare a 4000 metri”. In realtà credo che non faccia molto bene. A un certo punto ho provato a togliere la mascherina su un’erta dove stavo ansimando molto e, d’improvviso, mi è sembrato di avere ricevuto una grande spinta verso l’alto.

Ad ogni modo, siamo arrivati sulla sommità del monte, a 1370 m sul livello del mare, dove abbiamo trovato una piccola folla sparpagliata per gruppetti. Molti non indossavano la mascherina perché stavano mangiando un panino o bevendo. Qualcuno è arrivato su senza mascherina proprio, non l’ho vista nemmeno appesa agli spallacci dello zaino. L’ho presa un po’ male.

Ad ogni modo, l’impressione che ho, condivisa da amici che lavorano in ambito sanitario, è che la fifa diminuirà rapidamente e aumenteranno gli episodi di scarsa attenzione. Tuttavia non dovrebbe scoppiare un focolaio di CoViD-19 qui in Friuli. Ci spero, perché se saremo disciplinati, verremo premiati.

Ieri abbiamo incontrato anche una persona che ha iniziato a dirci che le mascherine sono tutte sciocchezze, che lei lo sa perché ha lavorato nella sanità e via avanti. Opinione personale, che cestino prontamente. Non mi sono messo a discutere, avrei potuto tirare fuori una raffica di citazioni bibliografiche, ma non era il genere di persona a cui queste cose fanno effetto. Le dava fastidio l’idea di indossare la mascherina e avrebbe trovato qualunque scusa per non farlo.

Non credo che siamo schiavi di qualcuno o qualcosa, a parte la nostra paura di morte e sofferenza. In questo momento siamo liberi di comportarci in modo maturo e ragionevole, nessuno ci obbliga a comportarci come egoisti e cretini.

Matteo, stai sereno

giugno 20, 2016

Sereno e tranquillo. In fondo non è successo nulla di straordinario. Da molto tempo in Italia le amministrative sono appannaggio di chi è all’opposizione a livello nazionale. Inoltre stai sereno perché tutto quello che è successo, e succederà nei prossimi due anni, non è altro che la conseguenza di una scelta politica fatta prima di te, che tu non hai comunque voluto sconfessare.

Parlo di una scelta effettuata da tutte le forze politiche italiane, senza eccezioni, verso la fine degli anni ’90 del secolo scorso: trasformare la democrazia in un’odiocrazia. I programmi, questi sconosciuti; le idee che non servono più, rimane solo una cosa: l’odio per l’altro. Tutti, dai tuoi (more…)