Posts Tagged ‘Etnia’

Una patria comune

Maggio 14, 2022

Esiste una sola possibilità per una patria in cui convivano, con pari diritti e dignità popoli diversi, come occitani, sardi, friulani, sloveni, austriaci, italiani, albanesi, catalani e tutti gli altri che da molti secoli chiamano casa una parte del nostro continente. Quest’unica patria possibile si chiama Unione Europea.

Se invece decidessimo di perseguire la sovranità assoluta di ogni nazione, anche a scapito delle altre, dovremmo lottare per smembrare la stessa Repubblica Italiana, in quanto stato non etnico, con buona pace dei fascisti che sostengono altrimenti.

Ius soli

giugno 21, 2017

Facciamo chiarezza almeno sui termini

Lo Ius soli viene considerato in tutto il mondo come l’acquisizione della cittadinanza di uno stato per il semplice fatto di essere nati sul suo territorio. Ovvero: se qualcuno nasce da cittadini stranieri in un dato Stato, ne diviene automaticamente cittadino.

Noi europei siamo abituati invece allo Ius sanguinis, ovvero a diventare automaticamente cittadini di uno Stato se almeno uno dei nostri genitori lo è.

Lo Ius soli viene applicato in quasi tutti gli stati dell’America, compresi quelli (more…)

India, fanatismo ed ignoranza

novembre 29, 2008

Chi crede che l’India sia una nazione si sbaglia. E’ un subcontinente unificato con difficoltà in uno Stato che ha enormi problemi di stabilità. Negli ultimi tre giorni il mondo ha rivolto lo sguardo su Mumbay, dove alcuni terroristi che si dichiarano Muslim hanno compiuto una grande azione commettendo molti omicidi. Si parla di un numero di vittime che potrebbe avvicinarsi a 200. Nei mesi scorsi altre stragi sono state compiute ai danni di indiani convertiti al cristianesimo da coloro che si dichiarano Hindu. In Italia, per fortuna, fino ad oggi abbiamo solo sentito tuonare parole vuote di odio etnico e religioso, ma in India è diverso, le cose laggiù precipitano facilmente nel tumulto di milioni di persone ammassate in città cresciute a dismisura o disperse in campagne poverissime e colpite costantemente da carestie od alluvioni terribili.
Potrei dire che non c’è nessuna novità. Chi ricorda la storia sa che al tempo dell’indipendenza dall’impero britannico l’India fu scossa da violenti scontri fra musulmani ed hindu. Lo stesso Mahatma Ghandi venne ucciso per la sua eccessiva tolleranza e per il suo amore per la pace. In India i capi di stato poi vengono facilmente uccisi, da integralisti di questa o quella setta, da nazionalisti, fanatici di ogni natura. L’India è un enorme riassunto del mondo. Questa volta ci sono di mezzo i così detti combattenti per la fede. La prossima volta sarà qualcun altro. Il diverso fa paura, viene odiato, viene perseguitato ed ucciso. In genere questo accade perché non ci fermiamo ad osservare chi abbiamo di fronte prima di colpire. In genere noi esseri umani non vogliamo convivere, nemmeno con noi stessi, ed il pregiudizio, nato e fertilizzato dall’ignoranza, da sempre è un ottimo strumento nelle mani di quei pochi che sanno tirare i fili di miliardi di marionette. Chi muore non capirà mai qual’è il gioco od il copione della tragedia. Non è facile capire chi vince, ma sono sicuro di una cosa: noi no.

Non stiamo parlando solo dell’India. Il problema è globale. Le risposte all’odio ed all’ignoranza sono state fino ad ora prevalentemente odio alimentato dall’ignoranza. Poche voci sono contrarie, vengono guardate con sospetto. Vi invito a guardare un piccolo video ed a visitare il canale YouTube di Sua Altezza la Regina Rania al Abdullah di Giordania (scusate l’uso dei titoli, sono repubblicano, ma è per capire chi è questa signora).

Esistono molte persone, anche nei paesi arabi, che usano il cervello invece delle armi. Spero che anche nel mondo “occidentale” arrivi ai vertici politici qualcuno che ha lo stesso atteggiamento.