Posts Tagged ‘Fascismo’

Anti

Maggio 7, 2019

Negli ultimi 74 anni in Italia non si è mai sopito il confronto sul fascismo. Quel capitolo potrebbe sembrare storicamente chiuso con la fine della Repubblica Sociale Italiana, la fine della monarchia e l’instaurazione della Repubblica Italiana, fondata su una Costituzione di tipo democratico e su valori opposti a quelli del totalitarismo. Ma così non è, per lo meno nel dibattito pubblico.

Ancora oggi, nel 2019, ci troviamo in uno scenario politico in cui si usano i termini “fascista” e “antifascista”, molto spesso a sproposito.

Innanzitutto si identifica il fascismo con una generica forma di totalitarismo nazionalista. Il fascismo fu indubbiamente un’ideologia che creò un regime totalitario e si richiamava agli ideali del nazionalismo, ma non fu tutto lì. Stabilire cosa fu il fascismo richiederebbe un’analisi storica e politica molto articolata, passando dai movimenti dei reduci, attraverso (more…)

25 aprile

aprile 25, 2013

Caro lettore, se non hai voglia di leggere con attenzione queste 15370 battute, permettimi di augurarti un futuro prospero, ma di invitarti a non procedere oltre. Quanto ho scritto è pubblico, ma nel contempo molto intimo. Non si possono riassumere la storia ed il pensiero di tante persone con un post di 3 righe su un social network. Se cerchi slogan, esci a goderti la giornata di sole, qua perderesti tempo.

Molti dicono che in Italia non si parli abbastanza di Resistenza. A mio parere si è scritta anche una riga di troppo. Sono quindi consapevole di contribuire con questa mia ad aumentare il volume delle considerazioni inutili, ma credo (spero) di essere una voce stonata.

Il 25 aprile 1945 Antonino Moro fu Giuseppe, vicecomandante di brigata nel Gruppo Brigate Osoppo Friuli, scendeva dai monti per tornare a Udine, la sua città, dove era nato 41 anni prima. Dopo anni di politica clandestina in seno a Giustizia e Libertà prima ed al Partito d’Azione poi, dopo un anno e mezzo di attività partigiana, poteva finalmente tornare nella sua città

(more…)

Il ricordo

febbraio 11, 2010

In Italia è appena stata celebrata la così detta “giornata del ricordo”. Ricordo dell’esodo dalle terre di Istria, Fiume, Quarnero e Dalmazia di una parte della popolazione che veniva definita “italiana”.
Questo scritto non è rivolto a chi vuole sentirsi raccontare una storia di accuse e vendette, non cercate fra le mie parole una giustificazione per la bestialità della pulizia etnica, né cercate una eco di nazionalismo italiano. Credo che molti esuli contesterebbero la mia visione e le mie teorie, mentre so che altri le apprezzerebbero. Questo è un piccolo gesto di affetto verso terre che non sento mie, ma che comunque amo per averle conosciute ed apprezzate.
Non posso ricordare nulla, dato che sono nato venticinque anni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, ma ho letto, studiato ed ascoltato molto riguardo a quelle terre, alle loro genti ed alle vicende della loro storia. Ho il privilegio di vivere vicinissimo all’Istria e sebbene io abbia antenati istriani, la loro memoria è persa nel tempo: se ne andarono un paio di decenni prima della Prima Guerra Mondiale. Guardo le cose in modo distaccato (more…)