Posts Tagged ‘Friûl’

Udine: FVG Pride 2017

giugno 12, 2017

Alla fine sono andato in centro. Ero pesantemente in dubbio, perché “andare a guardare” mi sembrava terribilmente sciocco. Non sono fenomeni da baraccone, non era una sfilata di carnevale, è stato un gesto con un significato che possiamo ignorare se vogliamo, ma io non lo posso ignorare.

Piazza Libertà, Udine

Piazza Libertà, Udine

Nella vita ho conosciuto diversi omosessuali, maschi e femmine, e ho sempre trovato normale ma difficile rapportrarmi con loro, come con chiunque altro. Ho visto persone nascondersi e continuare a farlo per decenni, ho visto persone emarginate dalla società, altre addirittura espulse dalla propria famiglia.

L’omosessualità è stata considerata una malattia dai più buoni, una scelta orribile da altri, un crimine addirittura. Raramente ho sentito qualcuno parlarne in modo pacato. Anche il più comprensivo tende a metterci dell’ironia, perché l’omosessualità imbarazza.

Sabato mi sono appostato (more…)

Annunci

Eutanasia linguistica in Friuli

settembre 18, 2015

Ho sentito usare la parola “sentîr” al posto del corretto (e bellissimo) “troi”.
Ho ascoltato “negoziis” al posto di “buteghis”.
Ho ascoltato “sass” al posto di “clap”.
Ho ascoltato “solamentri” al posto di “dome”.
Ho sentito persino dire “la lingue friulane”.
Tutto questo da persone che sostengono di lavorare per tutelare la nostra lingua morente, si mettono in cattedra e pretendono persino (spesso con successo) di essere finanziati dalla Regione.

Ve lo dico in italiano, altrimenti non capireste: siete una vergogna per il nostro popolo!

Forse credete di essere dei santi, perché il friulano morirà con noi e voi state facendo il possibile per accorciare l’agonia. Bene, procediamo con la sospensione dell’alimentazione forzata: azzeriamo i fondo regionali per la marilenghe! Se il friulano sopravviverà da solo bene, altrimenti morirà con noi. Ma con me morirà il friulano, non un dialettaccio italiano che imita la lingua friulana tagliando vocali e aggiungendo delle -e a caso.

Cane senza denti che abbaia

settembre 18, 2011

E’ Umberto Bossi. Dovrebbe avere, per lo meno, la decenza di tacere. Dopo avere consentito al Governo di varare una manovra che uccide le autonomie locali, di fatto impedendo il tanto reclamato “federalismo”. Ora Bossi parla ancora di secessione della padania. Di milioni di persone pronte a combattere per questo ideale. Patetico.

Ci sarebbero milioni di persone pronte a combattere ancora per l’Italia unita, ma il punto è un altro. La padania non esiste, né storicamente, né di fatto. Se le rivendicazioni dei sudtirolesi, dei valdostani, degli occitani, dei ladini, dei friulani, delle comunità germanofone della Carnia e Canal del Ferro, dei resiani, dei sardi, degli sloveni del Natisone e di quelli del Carso, sono storicamente e culturalmente legittime ed indiscutibili (more…)