Posts Tagged ‘Social’

Fattore c

febbraio 11, 2020

Quando clicco sull’icona search di Instagram (uso la app su Android), compaiono come sapete decine di foto. Fra queste alcune hanno temi che mi interessano, come montagne, grotte, archeologia, fauna e flora. La maggior parte dei quadratini però contiene immagini che ritraggono femmine giovani in abiti succinti o attillati.

Ho pensato: Instagram me le propone perché ha un algoritmo che ricorda le mie ricerche: ho cercato immagini di attori e attrici, fra cui alcune bonazze da competizione.

Ho ideato un esperimento: provo a cercare solo #Himalaya #climbing #Dolomiti #caving per un po’ di giorni e vediamo.

Niente da fare, Instagram mi propone foto dove un ardito picco dolomitico fa da sfondo al sedere scultoreo di una giovane sconosciuta a cui delle robe tipo leggins sportivi stanno decisamente meglio che a me.

Secondo me l’algoritmo usa l’equazione maschio + IP italiano = ti piazzo una gnocca e tu sei certamente contento.

Social Rehab

febbraio 5, 2020

E’ possibile tornare ad avere un sistema di relazioni analogo a quello del 1994?

Per la seconda volta nella mia “carriera” di internauta ho fatto logout da Facebook. Continuo ad avere un account attivo, continuo a postare attraverso altri social e app, ma non ho più la app sul telefono né uso l’interfaccia web. Non so nulla di ciò che sta passando FB da un paio di settimane. Non ho notizia di amici veri e virtuali, non leggo post di Matteo & Matteo, non leggo i post di organi di informazione (vera o presunta) che hanno canali su FB.

(more…)

La dannazione di Cassandra

aprile 21, 2019

Perché molti (in Italia) detestano Greta Thunberg

Contro questa giovanissima svedese stanno girando esempi altissimi di ingiurie e derisioni di ogni genere, soprattutto sui così detti social. Il fatto è che Greta Thunberg sembra la persona giusta con cui prendersela, da deridere, da accusare.

Perché?

Innanzitutto perché si tratta dell’antichissima dannazione di Cassandra. Chi non conosce l’Iliade può serenamente passare sopra questa definizione; mi limito a spiegare che chi prevede sfighe di qualunque genere finisce per non essere creduto, ma viene additato come portasfiga. Il risultato è che quando arrivano i guai, tutti sono impreparati e va malissimo.

Greta Thunberg sta dando voce a preoccupazioni che non derivano da sue doti di chiaroveggenza, né è roba che si sogna la notte. La ragazza in effetti sta dicendo a gran voce ciò che molte centinaia di migliaia di persone al mondo pensano. Ma molti (more…)