Posts Tagged ‘World’

Indagini in corso

Maggio 6, 2020

20200506 giorno 57 delle misure di contenimento

44° anniversario del taramòt in Friuli

14:50

Ho ascoltato alcune chiacchierate, su BBC World Service, riguardo alle indagini per ricostruire il percorso di SARS-CoV-2 da Wuhan a ogni paese del mondo.

Riuscirci è importantissino: ci aiuterebbe a elaborare misure contro la diffusione del prossimo virus.

Perché probabilmente ce ne sarà un altro, così come ci saranno altri terremoti, incendi, frane, siccità.

Si impara studiando il passato, per agire meglio in futuro.

Non è facile ricostruire la storia di questo virus. Ci sono stati molti casi di persone con sintomi simili a quelli di CoViD-19, magari nelle forme più blande. Erano provocati da questo virus? A distanza di quasi 5 mesi, dal momento in cui la diffusione ha avuto un’accelerazione, pare si possano solo fare ipotesi, cercando gli anticorpi specifici nel sangue di chi ha memoria di una “brutta tosse”, o dei casi di polmonite non classificata.

In questo credo possa essere molto efficace la raccolta di dati attraverso una forma di collaborazione, un po’ di citizen science. Sicuramente si raccoglie tanta informazione, fra cui una quota enorme di fraintendimenti. Ma nel caso di CoViD-19 c’è modo di validare il dato, attraverso analisi.

Spero che gli epidemiologi riescano a ricostruire percorsi e meccanismi di diffusione, consentendoci di avviare una nuova epoca nella biosicurezza. Sempre ammesso che si vada d’accordo sul’opportunità di incrementare la biosicurezza, cosa che probabilmente richiede qualche limitazione permanente della nostra libertà di spostamento.

Videoconferenza

aprile 23, 2020

20200423 giorno 44 delle misure di contenimento

10:19

Gli strumenti che abbiamo a disposizione per comunicare sono straordinari. Possiamo fare sapere al mondo intero dove siamo, cosa stiamo facendo, cosa stiamo mangiando, qual’è il nostro stato d’animo. Questo si fa attraverso i così detti social media.

Privacy? Beh, se voglio raccontarvi ogni giorno di che colore sono le mutande che indosso, sono affari miei. E’ agghiacciante, ma rientra nelle mie libertà individuali.

Questi sono strumenti di comunicazione uno a molti. Pubblico uno stato su faccialibro, lo possono vedere tutti i miei contatti, oppure tutti gli utenti. Possono commentare, posso rispondere, in genere ne nascono discussioni che vengono troncate a metà perché si perdono nel marasma di mille altri commenti, notifiche ecc.

In effetti i social ci permettono di mettere in piazza gli affari nostri, ma difficilmente consentono di confrontare le idee.

Diverso è il metodo di comunicazione uno a uno, oppure fra pochi. Molti di noi hanno installato Skype sul proprio computer e sullo smartphone. Io l’ho usato moltissimo quando avevo la fidanzata a centinaia di chilometri di distanza. Dopo il matrimonio l’ho ignorato. Ma in questo periodo è tornato di moda, grazie alla possibilità di organizzare chiamate di gruppo, ovvero delle riunioni online. La stessa cosa la possiamo fare usando altri programmi. E’ diventato particolarmente di moda Zoom.

Ciò che mi ha colpito è che in questi giorni di “isolamento” sto usando i programmi per videochiamate di gruppo  con persone che non vedo da mesi o addirittura da anni. Oggi ho rivisto, sullo schermo, una persona che non vedevo dal 1995. Due sere fa ero in videochat con un amico che sta a New York. Non è che lo veda ogni mese, ma se non ci fosse CoViD-19 non l’avrei visto nemmeno in videochat. Effetto opposto rispetto alla “normalità”.

Forse la mancanza di contatti con altri umani in ufficio, nei bar, nei negozi, ci induce a cercare altri modi per soddisfare la natura sociale della nostra specie e, una volta capito che possiamo comunicare a migliaia di chilometri di distanza come a poche decine di metri, tanto vale chiacchierare con chi ci sta più simpatico e non con chi è nel nostro stesso quartiere.

Quello che manca è la possibilità di vedere che scarpe indossa il nostro interlocutore, cosa che mi ha appena consentito di fare una videochiamata a un cliente indossando infradito e pantaloncini da corsa.